giovedì 30 giugno 2016

Monthly Recap | Giugno

Ed eccoci al primo monthly recap di questo blog, mentre scrivo con in sottofondo una canzone che ho scoperto ieri grazie ad un blogtour. 

Il blog è aperto da marzo, ma solo in questo mese mi sono messa d'impegno per prendere appunti e considerato che io sono capace di fare le liste delle liste, alla fine è stato anche divertente. 

Cominciamo? :)



RECENSIONI

http://somebooksare.blogspot.com/2016/06/recensione-prima-il-cuore-di-jessi-kirby.html  http://somebooksare.blogspot.com/2016/06/recensione-questione-di-pelle-di.html  http://somebooksare.blogspot.com/2016/06/recensione-lamore-e-un-disastro-di.html

http://somebooksare.blogspot.com/2016/06/recensione-inedito-no-stranger-to-love.html  http://somebooksare.blogspot.com/2016/06/recensione-truth-about-alice-di.html

Ehi, ho letto anche di più di quello che credevo sarei stata capace! 
Ma di sicuro potevo fare meglio.


TEASER TUESDAY



WWW.. WEDNESDAY



BOOKTAG



WISHLIST: VERSO L'INFINITO E OLTRE



ALTRO



ACQUISTI


  • Unrivaled - La sfida di Alyson Noël
  • L'altra metà del mondo di Gabrielle Zevin

In teoria io sarei stata in astinenza forzata e auto-imposta, della serie che mi ero ripromessa di non acquistare più libri fino a quando non avessi accorciato la TBR di qualcosa come 10-15 di quei libri che mi guardano dalle mensole. 
E dal comodino. 
E dalla scatola vicino al comodino. 
Però l'altro ieri mia madre mi ha chiesto di andare al centro commerciale per prendere delle cose e potevo forse resistere? 
Ovviamente no. 
Mi ero detta che avrei preso solo un libro - che poi sembrava non esserci. 
Così ne ho puntato un altro e avevo già scelto la copia perfetta, quando poi ho intravisto quello che volevo originariamente sotto un altro libro. 
Uno in una mano e l'altro nell'altra, io li guardavo e loro guardavano me e potevo forse abbandonarne uno lì dov'era? 
Certo che no. 

Ci sarebbero anche tre libri usati che ho acquistato su Libraccio, ma non sono ancora arrivati e quindi finiranno nel prossimo recap. 
E quando vedrete uno di loro, allora capirete perché ho infranto per la seconda volta nel giro di qualche ora la mia astinenza forzata e auto-imposta. 


OMAGGI

  • No Stranger To Love di Pamela Aares

Una copia digitale di questo romanzo mi è stata spedita dall'autrice in quanto aveva apprezzato la mia recensione di un suo precedente romanzo e il mio interesse per il suo protagonista. 


EXTRA


  • Red Rising - Il Canto Proibito di Pierce Brown 
  • Bitten - La notte dei lupi di Kelley Armstrong 
  • Una sfida come te di Katie McGarry
  • Imprinting Love di Mariachiara Cabrini [ebook]
  • Lie4me - Professione bugiarda di Mariachiara Cabrini [ebook]

Ammetto che questo mese è stato molto fortunato in materia di vincite. 

Red Rising l'ho vinto grazie al giveaway di Sognando Leggendo, Bitten è la vincita del tour organizzato dai vari e dalle varie blogger e Una sfida come te proviene dal giveaway di Sara di Starlight Book's

Ieri mi sono svegliata con una email di Goodreads che mi annunciava la vincita di Imprinting Love di Mariachiara Cabrini - a cui poi è seguito un suo messaggio che mi diceva che il giveaway portava il nome di quel libro specifico, ma che volendo potevo sceglierne un altro dei suoi, tra cui Lie4me - Professione bugiarda che ricordo di aver visto recensito su alcuni blog uno o due mesi fa. 
Ci ho pensato parecchio perché Imprinting Love mi ha sempre ispirata per il tema (ragazza innamorata da sempre in silenzio di un ragazzo - e sì, suona troppo famigliare), ma del suo ultimo libro avevo letto un estratto davvero divertente. 
Alla fine Mariachiara è stata così gentile da mandarmeli tutti e due in digitale. 

Ieri poi è anche arrivata la collana legata al blogtour di The Treatment di Suzanne Young, ma mi sono dimenticata di includerla nella foto. 
Ah, l'Alzeheimer. 


E direi di aver incluso tutto quello che il mio blog ha prodotto questo mese e le sorprese che ho ricevuto e (parte de)i soldi che ho speso. 
E no, voi non volete sapere anche come sono messa con i telefilm - con quelli sì che vi spaventereste, altro che TBR e wishlist messe insieme.

Per questo recap è tutto e ci sentiamo presto su questi schermi! :)

mercoledì 29 giugno 2016

WWW.. Wednesday! #11

E mi dicono che è giunto un altro mercoledì. 
E mi dicono che ieri ho acquistato due libri di persona e ne ho ordinati tre online e io in teoria ero in astinenza forzata e auto-imposta. 
E mi dicono che ho la forza di volontà di un pesce rosso - povera bestiolina. 
Povera bestiolina il pesce rosso, non io.  
E mi dicono che questi libri li vedrete nel prossimo post per il primo "monthly recap" del blog perché forse questa volta ho qualcosa da dire. 
E mi dicono che forse sarebbe meglio ammettere che invece ho preso appunti. 

Comunque sia. 

Come ormai sapete, il mercoledì è il giorno in cui si fa il punto sulle letture finite, su quelle in corso e su quelle future. 
Pronti a scoprire le mie? 

WWW Wednesday è una rubrica settimanale ideata da Should be Reading in cui vi mostro le mie letture passate, presenti e future.


What did you just finish reading? (Cos'hai appena finito di leggere?)


Ho finito The Truth About Alice di Jennifer Mathieu, già tradotto dalla Newton Compton con la stessa copertina e con il titolo altrettanto fedele - Tutta la verità su Alice
Ho saputo fin dall'inizio che sarebbe stato un libro nelle mie corde, infatti l'ho davvero adorato. Potete leggere la mia recensione QUI



What are you currently reading? (Che cosa stai leggendo in questo momento?)


Ho passato la metà della metà di Red Rising - Il Canto Proibito di Pierce Brown - perché dire "passato metà della metà" suona meglio che dire "ho letto poco più di un centinaio di pagine su 402". Non sono una scheggia come voi. Non più. 



What do you think you'll read next? (Che cosa pensi di leggere dopo?)


Bitten - La notte dei lupi di Kelley Armstrong e Una sfida come te di Katie McGarry hanno la precedenza anche sui miei ultimi acquisti che mi osservano dalla mensola. 
Per il primo devo ringraziare la Fazi e le blogger che hanno organizzato il tour di (ri)presentazione e per il secondo devo ringraziare Sara di Starlight Book's per il giveaway. 


A voi com'è andata la settimana? :) 

martedì 28 giugno 2016

[Cover Reveal + Giveaway] "Adam" (Deceptive Hunters #1) di Giovanna Roma

Avevo già segnalato Il Patto del Marchese di Giovanna Roma su questo blog, quindi è stato con piacere che ho accettato di presentare - insieme ad altri blog che hanno aderito all'iniziativa - il suo prossimo libro, il primo di una serie. 

 

Durante l'evento di oggi verranno presentate la copertina e la sinossi in anteprima e se restate nei paraggi per conoscere questo nuovo romanzo di Giovanna, alla fine ci sarà anche una sorpresa per voi! 


Titolo: Adam
Serie: Deceptive Hunters #1
Autrice: Giovanna Roma
Editore: Self-pubblishing
Genere: dark contemporary romance
Uscita prevista: fine estate 2016

Sinossi: Ho sempre saputo come sarebbe stata la mia vita.
La mia storia è stata scritta da qualcun altro e non è certo una trama felice. 


Solo. Letale. Killer.
Circondata dalla feccia della società. Dipendente. Vuota.

Niente legami. Fuori dal lavoro non esiste una vita vera per me.
Soltanto il baratro.

Tutti si proclamano innocenti, finché il mio proiettile non decide per loro.
Io vedo cosa nascondono dietro la maschera. Li scopro animali.

Poi qualcuno si mette in mezzo e complica le cose.
Qualcuno mi ha urlato in faccia e sono stata costretta ad affrontare i mostri nella mia testa.

Inizia la caccia.
Inizio la fuga.

Ora un bivio cambierà per sempre ciò che sono.
Ora tutto sarà diverso. Finalmente sarò solo io e nessun'altra.




E ora veniamo alla parte succosa. 
L'evento di oggi non serve solo per promuovere la nuova serie di Giovanna, ma legato ad esso c'è anche un giveaway. 

Il vincitore riceverà il file del capitolo 1 di Adam‬ in anteprima assoluta. 

Il giveaway inizierà il 28 giugno con la cover reveal e durerà fino al 7 luglio

Le regole per partecipare sono indicate all'interno modulo sotto e il vincitore verrà estratto l'8 luglio sui canali social dell'autrice che trovate linkati in fondo al post.






L'autrice:
Nata e cresciuta in Italia, Giovanna Roma ha viaggiato sin da bambina. 
I generi che legge spaziano tra thriller, psicologia, erotico e dark romance. 
Anche quando un autore non la convince, concede sempre una seconda possibilità, leggendo un altro suo libro. 
Giovanna è autrice dei romanzi La mia vendetta con te e il suo sequel Il Siberiano e lo storico Il patto del marchese

Dove trovarla: Blog | Goodreads | Facebook | Twitter | Pinterest | Google+ | YouTube 


Siete curiosi di leggere estratti, teasers esclusivi e magari spoilers
Giovanna ha il posto che fa per voi  - il suo gruppo su Facebook.


Teasers esclusivi || News in anteprima || Aggiornamenti live || Unitevi al Fanclub per parlare con le altre lettrici dei suoi libri e sapere come procedono i suoi romanzi.

domenica 26 giugno 2016

Wishlist: verso l'infinito e oltre #2

In questa afosa e terribilmente calda domenica di giugno, ho pensato di lasciarvi in compagnia di altri tre libri che desidero ardentemente - di quelli che ti fanno dire "ti voglio leggere prima di subito". 

Pronti a scoprire quali? 


Belgravia di Julian Fellowes 

Perché: ho amato Downton Abbey in tutte le sue stagioni, mi sono affezionata alle vicende degli abitanti dei piani di sopra che a quelle della servitù ai piani di sotto - soprattutto mi sono affezionata a questi ultimi. 
In entrambi i casi non sono mai mancate le occasioni in avrei voluto prendere a mazzate qualcuno di loro, sono passata dal detestare alcuni personaggi per poi arrivare a perdonarli e a provare tenerezza per loro - Thomas su tutti - e ho pianto quando uno dei personaggi che amavo è morto. 
Per tutti questi motivi quindi non posso perdermi un libro scritto dall'ideatore di una serie inglese che ho amato, ambientanto anche questo nell'Inghilterra di una volta. 


La vita dorata di Matilda Duplaine di Alex Brunkhorst

Perché: tutto in questo libro mi ricorda Il Grande Gatsby di F. Scott Fitzgerald - sebbene il mio primo approccio con quel libro fosse stato un po' difficile all'inizio e solo alla terza rilettura sono riuscita ad apprezzarlo come avrei dovuto - e un po' mi ricorda anche Viale del Tramonto, film del 1950 con William Holden e Gloria Swanson e diretto da Billy Wilder che avevo visto e studiato per un esame di storia del cinema all'ultimo anno di università. 
Saranno forse le atmosfere che richiama la trama ad ispirarmi, l'idea di questo mondo fatto di feste e di celebrità che però nasconde sotto la patina tante cose - l'idea di quella vita appunto "dorata" che sembra celare invece tante ombre


Ugly Love di Colleen Hoover

Perché: confessione pubblica a tutto il web - non ho mai letto nulla di Colleen Hoover. 
Prima che urliate al sacrilegio, vi fermo subito. 
Ho avuto un periodo di profonda avversione per tutto ciò che contemplasse anche un minimo di romance - a volte ci ricasco ancora - ma poi sentivo sempre parlare come sia amata questa scrittrice e di come le sue storie sappiano prendere il lettore che quindi ho pensato di avvicinarmici anche io. 
E tra tutti i libri della Hoover di cui ho letto la trama, questo è quello che mi ispira di più - perché mi sembra abbastanza tormentato e complesso da essere nelle mie corde. 
So che è stato tradotto in italiano, ma io me lo prenderò in lingua originale


E anche per questa volta è tutto, gente! 
Al prossimo appuntamento totalmente random con la mia wishlist!       

venerdì 24 giugno 2016

[Recensione] "The Truth About Alice" di Jennifer Mathieu

Non ricordo se questo libro l'ho visto prima in lingua su Goodreads o se l'ho visto in italiano su qualche blog e, una volta letta la trama, ho deciso di comprarlo in inglese. 

Magari un giorno scriverò anche un post in cui spiegherò cosa mi spinge a comprare un libro in lingua piuttosto che in italiano. 

In ogni caso, ecco la recensione a caldo di questo libro che ho appena finito - letteralmente a caldo visto che sto praticamente soffocando a causa della calura. 
Cioè, fino a due giorni fa pioveva e avevo il plaid a letto e ora non si respira. 


Titolo: The Truth About Alice
Autrice: Jennifer Mathieu
Data di uscita: 2 giugno 2015 (prima pubblicazione: 3 giugno 2014)
Pagine: 224 (copertina flessibile)
Editore: Square Fish

Trama: Everyone knows Alice slept with two guys at one party. When Healy High star quarterback Brandon Fitzsimmons dies in a car crash, it was because he was sexting with Alice. Ask anybody. Rumor has it Alice Franklin is a slut. It's written all over the "slut stall" in the girls' bathroom: "Alice had sex in exchange for math test answers" and "Alice got an abortion last semester." After Brandon dies, the rumors start to spiral out of control. In this remarkable debut novel, four Healy High students tell all they "know" about Alice-and in doing so reveal their own secrets and motivations, painting a raw look at the realities of teen life. But in this novel from Jennifer Mathieu, exactly what is the truth about Alice? In the end there's only one person to ask: Alice herself.



Questo libro è già stato tradotto e pubblicato dalla Newton Compton all'inizio di quest'anno - copertina identica e titolo fedele: Tutta la verità su Alice
Per la trama in italiano, vi rimando QUI.


La copertina della mia edizione in lingua presenta anche una tag-line che corre lungo tutta la figura della ragazza in copertina e recita: 

The rumors about Alice Franklin are getting out of hand in small-town Healy, Texas... and no one seems to be doing anything about it. 

Questo libro è molto simile ad uno che ho già letto per argomento, ma allo stesso tempo è molto diverso nel modo in cui affronta la storia. 

Associarlo a Some Girls Are di Courtney Summers è fin troppo facile: entrambi parlano di una ragazza accusata di essere una poco di buono dopo aver presenziato ad una festa e come questo e i pettegolezzi che ne scaturiscono cambino immediatamente - e irreparabilmente - la loro vita
È però il modo in cui viene narrata la storia a essere diverso

Some Girls Are di Courtney Summers è stato il terzo libro che ho letto in questo 2016 dopo essermelo fatto regalare a Natale dalle mie amiche e il primo di cui ho parlato quando ho aperto il blog - blog che deve il suo nome proprio a quel libro. QUI potete leggere la mia recensione di Some Girls Are sul blog e QUI quella in inglese su Goodreads. 

Tutto questo preambolo per dire come quella storia abbia avuto un impatto su di me perché sebbene io abbia 27 anni, a volte ho la sensazione di non aver mai lasciato il liceo e le storie di bullismo sono ancora quelle che più colpiscono qualcosa dentro di me. 

E mi serve parlare di Some Girls Are per poter parlare di The Truth About Alice

Nella mia recensione di Some Girls Are avevo scritto come i personaggi fossero reali, specialmente la protagonista Regina - e qui sta la bravura della Summers perché inizialmente è difficile empatizzare con Regina, ex-ragazza popolare che ora si trova dall'altra parte della barricata a subire quello stesso bullismo che lei aveva messo in pratica prima. 

In The Truth About Alice i personaggi sono ancora più reali di come sono in Some Girls Are, forse perché i punti di vista qui sono molteplici e nessuno è il tipico "bullo" che si può riscontrare in altre storie. 

Per quanto all'inizio sia difficile avere simpatia per Regina, specialmente se si è stati vittima di bullismo, le cose poi cambiano lentamente quando Regina inizia a reagire alle offese e a rendersi conto di quello che aveva fatto come ragazza popolare. Le cose poi in questo romanzo sono più crude perché ci sono scene di violenza fisica e botte e sì, per quanto i personaggi siano reali, di fatto Anna - l'antagonista - viene percepita come il cliché della tipica mean girl

The Truth About Alice è diverso in questo. 

Dicono che Alice abbia fatto sesso con due ragazzi a casa di Elaine O'Dea la notte del suo party. 
Dicono che Brandon Fitzsimmons, uno dei ragazzi con cui Alice è andata a letto e star della squadra di football, sia morto in un incidente perché Alice continuava a distrarlo dalla guida mandandogli messaggi spinti sul cellulare.  

Intanto noi non viviamo la storia dal punto di vista di Alice se non alla fine, quando ormai è passato un anno dall'evento che ha messo in moto tutto. 
E se c'è stata violenza fisica oltre agli insulti che ricoprono il muro del bagno, quello non ci è dato saperlo. 

Il bello di questo libro è che nessuno risulta un cliché perché, bene o male, ti ritrovi ad empatizzare anche con i "cattivi" della situazione. 
Perlomeno a me è successo. 

Come Kurt Morelli, sono stata un'emarginata dopo aver passato un'infanzia a giocare insieme a quelli che erano considerati amici e all'improvviso è cambiato tutto
Come Josh Waverly, forse a volte ho taciuto per paura di prendermi la responsabili.
Come Kelsie Sanders, ho voluto la popolarità e ho cercato la compagnia di quelle ragazze che la avevano - a volte forse a discapito di altre amiche, seppure inconsciamente
Come Elaine O'Dea, ad un certo punto in quinta superiore mi sono trovata a tenere in mano il pensiero che avevo di una compagna di classe che mi aveva ferita e tutte le altre mi hanno seguita - come se fossi stata io quella popolare che dettava legge. Come dice la stessa Elaine, dopo che la morte di Brandon aveva unito tutti come una sola persona, anche quando le cose sono tornate alla normalità avevano bisogno di quella sensazione di "unione" ed ecco che prendersela con Alice è stata la cosa più semplice. Per noi è stata la stessa cosa: prendercela con una sola persona, essere tutte contro una, ha aiutato noi a superare lo stress del quinto anno di liceo e soprattutto ha aiutato me a prendermi una rivincita dopo due anni passati all'inferno. 

Come Alice Franklin, anche io sono stata oggetto di insulti - lei aveva un muro del bagno ricoperto di scritte indelebili, io avevo un file su un computer in aula di informatica che poteva essere riempito ogni volta di tutto quello che gli altri volevano. Potevi cancellarlo, ma tanto ne sarebbe stato creato un altro. 

Tutti sanno la verità su Alice Franklin, su quello che ha fatto quella notte con Brandon Fitzsimmons e Tommy Cray e tutti sanno che è Alice Franklin il motivo per il quale Brandon è morto. 

Tutti sanno la verità su Alice Franklin, tutti sanno la loro verità. 
E quel loro va ad assumere anche un'altra connotazione: non solo veniamo informati su quello che loro pensano e sanno di Alice Franklin, ma veniamo informati soprattutto sulle loro verità personali - le cose che tacciono, le cose su cui mentono, le cose che non diranno mai ad anima viva. 
Raccontare di Alice Franklin e vedere attraverso i loro occhi come Alice cambi e venga percepita dal resto della cittadina, fornisce loro la scusa di confessarsi
E forse Alice Franklin ha o non ha dormito con due ragazzi la stessa sera al party di Elaine O'Dea e forse Alice Franklin ha o non ha causato la morte della star della squadra di football e forse le cose stanno sfuggendo di mano e nessuno si aspettava una reazione così esagerata, ma di fatto nessuno fa niente. 
Ognuno di loro ammette quietamente le proprie colpe - che forse esistono o forse no - e ognuno di loro (o quasi) si dice che Alice se lo è meritato, andando a tirare fuori eventi o comportamenti che risalgono ancora alle scuole medie per giustificarsi. 

Alice Franklin compare solo alla fine, quando è ormai sopravvissuta al terzo anno di superiori ed è cambiata - non tanto da essere irriconoscibile, ma certamente tanto da non essere più la stessa. 

Regina Afton e Alice Franklin sono entrambe due ragazze popolari che si ritrovano ad essere prese di mira dagli altri a causa di una diceria
Sono simili, ma allo stesso tempo sono diverse: sappiamo che Regina era una mean girl prima di finire sulla lista nera di Anna, mentre Alice - a dispetto di tutto quello che viene detto di lei - viene descritta come amichevole e gentile

Some Girls Are di Courtney Summers colpisce per la sua crudezza, per il modo in cui la cattiveria femminile in particolare ma umana in generale, viene rappresentata e per il modo in cui il bullismo arriva a raggiungere picchi davvero pericolosi - se anche a volte Anna sembra troppo un cliché nella sua cattiveria, la cronaca di quello che accade nelle scuole statunitensi ma anche in quelle italiane ci informa che sì, si può arrivare a picchiare un'altra persona a causa di un pettegolezzo senza prima accertarci della sua fondatezza. 
Some Girls Are esplora la storia dal punto esclusivo dell'oggetto del pettegolezzo e dell'impatto che questo ha sulla sua vita.  

The Truth About Alice di Jennifer Mathieu colpisce per il fatto che i "cattivi" non risultano poi così cattivi, non sono dei clichés - fa quasi paura leggere e rendersi conto che, ad un certo punto della nostra vita, siamo stati qualcuno o addirittura tutti loro durante la nostra adolescenza. 
The Truth About Alice esplora la storia dal punto di vista di quelli che creano il pettegolezzo e lo alimentano, mostrando come cambi la percezione di una persona in una piccola cittadina dove si conoscono tutti. 

Some Girls Are e The Truth About Alice, pur presentando delle differenze, sono di fatto la stessa storia - due facce della stessa medaglia che danno alla fine vita ad un ritratto esaustivo della complessità umana. 

E come Some Girls Are, anche The Truth About Alice mi è piaciuto davvero tanto. 


"How much did it hurt? It was like a million paper cuts in my heart. Because it was slow and not all at once. It wasn't a complete flip-flop of everything overnight. It was more gradual than that. Which was actually worse, to be honest with you. At first, it was so subtle I thought maybe I was imagining it. [..] Obviously, I wasn't imagining it. But it had to be gradual. So people would get used to it. So it would become easy for them to treat me like shit. [..] ..but I do want to say that there is one thing I've learned about people: they don't get that mean and nasty overnight. It's not human nature. But if you give people enough time, eventually they'll do the most heartbreaking stuff in the world."